Passa ai contenuti principali

Zona Quadrilatero - Palazzo Bigli, rinascimento milanese

Un palazzo rinascimentale poco conosciuto ma che possiede uno dei più bei cortili di Milano: si tratta del Palazzo Bigli, nell'omonima via al civico 11. Se il portone è aperto, provate a dare un occhio, magari chiedendo al custode.

Il bel palazzo venne edificato nel 1500 dalla famiglia patrizia dei Bigli, originari di Rovato. Ancora in costruzione, l'edificio venne ceduto agli Aliprandi, antica famiglia milanese, che continuarono con i lavori. Ancora adesso sono visibili nella volta a botte dell'androne d'ingresso le iniziali di Ambrogio Aliprandi, A A. Il palazzo fu poi dei Taverna, ed infine dei Ponti.

Il  portale rinascimentale è l'unica parte sopravvissuta ai secoli della facciata originale, mentre il resto è un rifacimento in stile neorinascimentale disegnato dall'architetto Luigi Baj nel 1841. Il grazioso portale si presenta con lesene corinzie ai lati e due medaglioni a rilievo nei pennacchi, raffiguranti l'Annunciazione, attribuita al Bambaja. Durante lo stesso intervento furono anche restaurati gli affreschi del cortile. Cortile porticato sui quattro lati del piano terreno con archi in cotto retti da colonne, ha al primo piano finestre riquadrate in cotto. Tra una finestra e l'altra sono presenti gli affreschi cinquecenteschi, che tanto caratterizzano questo cortile: affreschi attribuiti a Bernardino Luini e miracolosamente sopravvissuti ai bombardamenti.

Per riparare i danni bellici al palazzo, ora della famiglia Ponti, venne chiamato lo studio BBPR, in voga negli anni Cinquanta. Il restauro delicato di questo palazzo tardo quattrocentesco andava salvaguardato sebbene ammodernando il resto dell'edificio. La facciata su via Bigli, anch’essa risparmiata dagli eventi bellici, venne restaurata, ma il progetto di recupero del palazzo si svolse a partire dal vuoto del cortile bramantesco: i BBPR, innanzitutto, decisero di ripristinarne le proporzioni originarie, smantellando il sopralzo costruito a inizio Ottocento. In sostituzione realizzarono un nuovo sopralzo a gradoni e con falde inclinate in modo che, dal piano terra, nulla appaia al di sopra della linea di gronda originale. I tre livelli aggiunti formano un invaso di terrazze digradanti verso il nucleo rinascimentale che, in questo modo, assume ancor di più il valore di elemento ordinatore dell’intero edificio.













Foto da Milano da Vedere

Foto da Milano da Vedere

Foto da Milano da Vedere

Foto da Milano da Vedere

Foto da Milano da Vedere











Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …