Passa ai contenuti principali

Cultura: i luoghi di culto nelle tre aree assegnate dal Comune

Questa mattina, negli uffici del Comune di Milano di largo Treves 1, si è svolta l’apertura delle buste contenenti la proposta economica relativa al procedimento per l'assegnazione in uso di tre immobili comunali, per il loro utilizzo per finalità religiose e per ulteriori attività sociali e culturali.
Gli immobili messi a bando sono: l’area di via Marignano (Lotto 1 - 3.400 mq), l’area di via Sant’Elia (Lotto 2 - 5.000 mq), e gli ex bagni pubblici di via Esterle (Lotto 3 - 1.492 mq).
Le buste con la proposta economica sono state aperte dalla Commissione di valutazione presieduta dal dottor Claudio Minoia, Direttore Centrale Politiche sociali e Cultura della Salute e composta dal dottor Salvatore Mirante, Dirigente di Supporto delle Politiche sociali e Cultura della Salute, dall’architetto Simona Collarini, Direttore del Settore Pianificazione, Urbanistica Generale, dalla dottoressa Silvana Robbiati, Istruttore Direttivo del Settore Programmazione e Coordinamento dei Servizi Educativi della Direzione Centrale Educazione e Istruzione, e dall’avvocato Massimo Clara, in qualità di membri esperti. Alla Commissione ha partecipato la dottoressa Raffaella Botta in qualità di segretario verbalizzante. La seduta odierna si è svolta in forma pubblica
In base a quanto previsto dal bando per ogni confessione religiosa verranno assegnati non più di due immobili.
La Commissione di valutazione ha provveduto a stilare la graduatoria per ognuno dei tre lotti. La graduatoria è il risultato della somma del punteggio relativo alla offerta tecnica (i progetti) e alla offerta economica. 


Lotto 1 - VIA MARIGNANO
1°) Centro Islamico di Milano e Lombardia, via Egidio Folli, punteggio 63,5;
2°) Chiesa Shalom Gospel Church, via Socrate 71, punteggio 34,29;
3°) Centro Cristiano Evangelico via Dottesio 15, punteggio 32,96.

Lotto 2 - VIA SANT’ELIA
1°) Associazione Islamica di Milano, via Padova 366 – punteggio finale 77,5;
2°) Istituto Culturale Islamico, viale Jenner 50 – punteggio finale 55,7;
3°) Centro Islamico Milano e Lombardia, via Egidio Folli – punteggio 51,5.

Lotto 3 - VIA ESTERLE
1°) Bangladesh Cultural and Welfare Association, via Settembrini 36 – punteggio 69,5;
2°) Casa della Cultura Musulmana, via Padova 144 – punteggio 59;
3°) Centro Islamico di Milano e Lombardia, via Egidio Folli - punteggio 47,9

La graduatoria ha carattere provvisorio. Gli Uffici comunali procederanno ai controlli di rito tra cui la verifica dell'assenza di contenziosi con l'Amministrazione comunale e il possesso dei requisiti generali per la contrattazione con la Pubblica amministrazione. Superati positivamente questi controlli la graduatoria sarà resa definitiva.
Hanno risposto sette enti, che hanno consegnato un plico contenente le tre buste (amministrativa, tecnica, economica) costituenti la proposta complessiva. Sono pervenute nove proposte. I soggetti che hanno risposto all'avviso sono:
1. Centro Cristiano Evangelico (via Dottesio 15) per l'area di via Marignano;
2. Casa della Cultura Musulmana (via Padova 144) per l'immobile di via Esterle;
3. Istituto Culturale Islamico (viale Jenner 50) per l'area di via Sant'Elia;
4. Chiesa Shalom Gospel Church (via Socrate 71) per l'area di via Marignano;
5. Associazione Islamica di Milano (via Padova 366) per l'area di Sant'Elia;
6. Bangladesh Cultural and Welfare Association (via Settembrini 36) per l'immobile di via Esterle;
7. Centro islamico di Milano e Lombardia (via Egidio Folli). Il Centro ha presentato una proposta per ciascun lotto, quindi per l'area di via Marignano, di via Sant'Elia e per l'immobile di via Esterle.

Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …