Passa ai contenuti principali

Zona Maddalena - La storia di un borgo sparito

Se oggi chiedessi a chiunque: dove si trova il quartiere della Maddalena, credo nessuno sappia rispondermi. Oggi la si identifica più facilmente con De Angeli, Marghera, Baggina e Piemonte/Washington, nomi di piazze e vie che col tempo si sono formate prendendo il sopravvento.

La Maddalena era un insieme di casupole di campagna dove la strada per Vercelli attraversava con un bel ponticello il fiume Olona. Al bivio per la strada che portava a Baggio si trovava e si trova tuttora una colonna votiva sopravvissuta miracolosamente in una Milano che divora e consuma tutto. La colonna è dedicata a Santa Maddalena, era una delle crocette fatte erigere da San Carlo Borromeo a ringraziamento per la cessazione della peste del 1576-77. Il piccolo borgo si trovava a breve distanza da San Pietro in Sala, borgo assai più importante fuori dalla mura di porta Vercellina.

Con l'industrializzazione, Milano si ingrandisce, qui nel 1872 venne fondata l'industria dei tessuti stampati di Ernesto De Angeli, che utilizzava le vicine acque del fiume Olona. Poi nel 1896 Ernesto De Angeli si unisce a Giuseppe Frua e danno inizio ad una grande fabbrica di tessuti. Il borgo si ingrandisce e diventa pian piano un quartiere della grande Milano.
Negli anni Venti venne posizionata una fontana oggi scomparsa (mistero) al centro della piazza che nel frattempo si era creata con la costruzione delle nuove case. Il fiume Olona venne deviato e così perse ogni traccia o quasi del suo passaggio in questo luogo. Così come la grande fabbrica della Frua, che dalla fine degli anni Cinquanta lascia il posto ad un quartiere moderno.

Oggi se non fosse per la presenza di pochi edifici fine ottocento (Via Marghera) e la piccola colonna (soffocata dai palazzoni) nessuno potrebbe immaginare che piazza De Angeli un tempo era il cuore di un piccolo borgo di campagna con un bel fiume che ogni tanto faceva sentire la sua presenza come documentato dalle foto del 1917 esondando.

Il Borgo della Maddalena, San Pietro in Sala e l'Olona 1800

Mappa della zona nel 1925
La Colonna Votiva della Maddalena

Panoramica della Maddalena con gli Stabilimenti della Da Angeli Frua 

Panoramica della Maddalena con gli Stabilimenti della Da Angeli Frua 

Il ponte sull'Olona e via Marghera vista dalla ciminiera della fabbrica





 1917 l'Olona esonda






Inaugurazione della fontana







La piazza De Angeli oggi








Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …