Passa ai contenuti principali

Milano Zona Est - Nuove stazioni BikeMi

Tante le novità BikeMi in arrivo nei prossimi giorni. Si parte domani, venerdì 30 maggio, con l’apertura di 4 nuove stazioni in zona Lambrate e a Città Studi, cui si aggiungerà la quinta il 6 giugno in zona Tortona, che porteranno le biciclette gialle in circolazione a 3.587 (e il totale delle stazioni attive a 197). Si prosegue poi con l’abbonamento annuale scontato il 6 giugno e con l’apertura straordinaria fino alle 3 di notte per la partita Inghilterra-Italia dei Mondiali di calcio.

“Prosegue la strategia di portare BikeMi fuori dal centro e così dopo aver raggiunto Brenta ora arriviamo a Lambrate e a Città Studi. Una scelta premiata anche dai numeri perché sono sempre di più le persone che lo utilizzano: il record è di 12.400 prelievi in un giorno e quest’anno gli utilizzi by night sono aumentati di quasi il 60%”, dichiara l’assessore alla mobilità Pierfrancesco Maran. “È per questo che abbiamo voluto con Clear Channel attivare tante iniziative con gli obiettivi di rendere più comoda questa forma sostenibile di mobilità cittadina e di incentivare sempre più milanesi a provare le due ruote in condivisione come reale alternativa per gli spostamenti in città”.

Le nuove stazioni che apriranno domani, tutte monofacciali da 30 o 36 stalli, sono la 122 Bassini-Grossich, la 145 Lombardia-Vallazze, la 159 Gorini-Strambio, la 210 Aspromonte-Pecchio.

Il 6 giugno sarà poi pronta anche la numero 165 Savona-Tolstoj: lo stesso giorno in cui Comune di Milano e BikeMi offriranno l’abbonamento annuale scontato a 25 euro (anziché 36): una promozione nata per sostenere il Green Office Day, l’iniziativa organizzata dal 2009 da un gruppo di volontari e patrocinata dal Comune di Milano che mira a sensibilizzare tutti i cittadini sull’importanza di adottare comportamenti sostenibili e che quest’anno avrà come tema proprio la mobilità con lo slogan “Muoviti Green”.

E le novità non finiscono qui, perché in occasione della prima partita dell’Italia ai Mondiali il servizio di bike sharing sarà attivo fino alle 3 di notte. Il match con l’Inghilterra si terrà infatti a mezzanotte e il Comune di Milano e BikeMi hanno voluto applicare questo orario speciale (un'ora in più rispetto al normale servizio notturno) per consentire a tutti coloro che guarderanno la partita fuori casa di tornare poi in bicicletta una volta terminata.

L’idea di lasciare attive le stazioni un’ora in più il 14 giugno prende il via anche dal grande successo che il BikeMi notturno sta riscuotendo: tra aprile e maggio sono stati oltre 22.400 i prelievi by night (14.300 nel 2013, +57%) con una media di 439 utilizzi ogni sera (270 nel 2013, +63%). Le prime cinque stazioni più utilizzate in notturna sono Duomo, Moscova, XXV Aprile, San Babila e Gorizia.

Ultima informazione utile per gli utilizzatori di BikeMi è la sospensione temporanea delle stazioni Duomo (portici settentrionali) e Arcivescovado, dalle ore 14 dell’1 alle ore 7 del 2 giugno, in occasione del concerto di Radio Italia.



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …